Paladino dell’arte

Un tributo giusto e sublime ad uno tra i più grandi artisti che il nostro Paese abbia mai avuto, Arezzo si è messa a disposizione per ospitare una raccolta di opere di Mimmo Paladino, che mostra la sua forza, la sua eleganza, la sua contemporaneità utilizzando pittura e scultura in molteplici forme, materiali, colori.

Si gira la città, si scoprono Chiese e fortezze dove alla storia si unisce la poesia artistica delle installazioni.

Incredibile come pressoché nulla sia site specific, ma il dialogo sia potente lo stesso, come a farci capire che l’arte vera, quella profonda sia un linguaggio universale che si fa sentire in ogni dove. E ci fa capire che non serve una guida, che non serve un percorso prestabilito, che non serve nulla se non occhi, e cuore. Continuo a credere che sia giunto il tempo di riportare l’arte alla sua funzione più alta, quella di farsi ammirare, di trasmettere muta, la propria bellezza. A tutti, soprattutto ai più giovani, che a scuola dimenticano che siamo circondati dalle cose belle, non dalle date.

Ci insegna molto Mimmo Paladino, lo fa con le sue forme quiete, solide, lo fa con la pietra, il bronzo, la pittura, e lo fa con la sua vita, lontana dai clamori e i riflettori dei media; solo all’apparenza dormiente, come mio figlio…

Questa voce è stata pubblicata in Appunti d'arte. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *